Caorle, Venezia

Viale Santa Margherita

Competition: 2° Prize
Concorso di idee per la riqualificazione di Viale Santa Margherita
Year: 2017
Dimension: length 1'500m
Client: Comune di Caorle
Service: Preliminary Design
Project Team: Federico Zuanier, Flavio Zuanier, Federico Fernandez Rodriguez, Giulia Borella, Studio Associato Ferrarini Pitteri

 

SHARE PROJECT

 

The strategy undertaken in the urban, environmental, landscape and architectural redevelopment and enhancement design of Viale Santa Margherita, insists on the concept of the overall vision of the intervention in relation to the urban fabric of which it is part. According to this vision, the redesign of the Viale has gone through a careful analysis of the context that has made it possible to identify the main critical issues and subsequently intervene by carrying out an urban rehabilitation exercise.

The made choices in the elaboration of the project proposal have meant:

 

La strategia intrapresa nel disegno di riqualificazione e valorizzazione urbanistica, ambientale, paesaggistica ed architettonica del Viale Santa Margherita, insiste sul concetto di visione d’insieme dell’intervento in relazione al tessuto urbano di cui è parte. Secondo questa visione il ridisegno del Viale è passato attraverso un’attenta analisi del contesto che ha permesso di individuare le principali criticità e successivamente di intervenire svolgendo un esercizio di ricucitura urbana. Le scelte intraprese nell’elaborazione della proposta progettuale hanno inteso:

Punto cardine della proposta progettuale è stata inoltre l’analisi delle attuali criticità del luogo, e la successiva individuazione di 4 ambiti di intervento considerati strategici per la riqualificazione del Viale oggetto di Concorso: Piazza Sant’Antonio (Nord); Piazza Alcide De Gasperi (frontemare); L’area sportiva dello Sporting club; Piazza Piave (Sud). Tali luoghi sono parte integrante dell’intervento e, con l’ambizione di sviluppare una proposta progettuale di ampio respiro, rappresentano dei momenti fondamentali nei quali intervenire per restituire allo spazio pubblico una qualità urbanistica e sociale oggi in parte mancante. L’incalzante andamento e la densità abitativa che insistono sul Viale sono stati affrontati elaborando una strategia che manifesta la volontà di riportare il pedone al centro del sistema.
La volontà di incrementare la fruibilità ciclo-pedonale e la qualità architettonica e paesaggistica del Viale è stata garantita attraverso il riassetto dell’intera sezione stradale, mantenendo le preesistenti alberature tipiche della macchia mediterranea.